Come scegliere il miglior biberon per un neonato

Che tu stia allattando o usando un biberon, mettere il tuo bambino nell’incavo del tuo braccio per l’alimentazione è uno dei migliori momenti di legame nella genitorialità. Ma scegliere un biberon è complicato. Quali sono le migliori bottiglie da biberon? Vuoi vetro, plastica o silicone? Di quali dimensioni dovresti comprare il biberon e di quanti ne hai effettivamente bisogno? L’elenco delle domande sembra infinito, ma ecco una guida alla scelta del biberon migliore per la salute del tuo bambino.

Quali tipi di biberon esistono?

Le bottiglie del biberon sono generalmente realizzate con uno dei tre materiali: vetro, plastica o silicone. Vediamole quindi un po’ più in dettaglio.

Le bottiglie di vetro erano la norma nei decenni precedenti la plastica e recentemente sono tornate alla popolarità. Anche se dare al tuo bambino qualcosa di vetro può sembrare un grattacapo, il vetro utilizzato per i biberon ha alcune caratteristiche uniche che lo distinguono dal vetro di tutti i giorni. Sono realizzati in vetro temperato, un tipo di vetro extra resistente e in grado di sopportare colpi e persino cadute.

Le bottiglie di plastica sono realizzate in polipropilene, un tipo di plastica dura. I biberon di plastica sono il tipo di biberon più comune sul mercato e il più economico. Le bottiglie di silicone sono i più recenti tipi di bottiglie sul mercato. Sono realizzate in silicone, un materiale morbido e flessibile privo di sostanze chimiche come BPA, PVC e ftalato.

La maggior parte delle marche di biberon offre anche diverse misure di capezzoli, ognuna delle quali fornisce una diversa velocità di flusso del latte.

  • I capezzoli neonati e quelli a flusso lento sono progettati per neonati e bambini piccoli. Forniscono un flusso più lento di latte o formula in modo che il bambino non ingerisca troppo, troppo velocemente.
  • I capezzoli a flusso più veloce sono progettati per i bambini più grandi che hanno rondini più grandi e hanno un migliore controllo su un flusso più veloce di liquido.

La maggior parte dei biberon spmp disponibile in due formati:

  • I biberon di dimensioni più piccole, da 120 g, sono orientati verso i neonati che mangiano meno per poppata rispetto ai bambini più grandi.
  • I biberon più grandi, che contengono circa il doppio di latte materno o artificiale, sono per i bambini più grandi che mangiano di più.

Come parametro di riferimento, i neonati possono mangiare solo 30 g o o 60 g ogni pasto, mentre i bambini di circa sei mesi possono mangiare da sei a otto once a pasto. Alcuni genitori scelgono di acquistare alcuni biberon più piccoli e più grandi, mentre altri acquistano biberon più grandi sin dall’inizio e li riempiono solo a metà circa durante i primi mesi del bambino.

Che tipo di biberon sono i migliori?

Ci sono vantaggi e svantaggi per ogni tipo di biberon sul mercato. Può essere faticoso provare a confrontare ogni minimo dettaglio, quindi ecco alcuni pro e contro di base da tenere a mente quando stai cercando di decidere quale tipo di biberon comprare per il tuo bambino.

Biberon di vetro

Vantaggi: le bottiglie di vetro non assorbono colori o odori come le bottiglie di plastica e silicone. I biberon in vetro sono resistenti agli shock termici, quindi possono passare dal freddo gelido al bollente senza rompersi. Le bottiglie di vetro possono andare direttamente in lavastoviglie senza il timore della lisciviazione chimica e spesso sono più facili da pulire rispetto ad altri tipi di bottiglie perché hanno meno parti.

Svantaggi: le bottiglie di vetro sono pesanti. Sono più complicati per te (e per il tuo bambino) da tenere in braccio, e sebbene non sia facilissimo romperli, non è nemmeno impossibile. I biberon di vetro tendono anche ad essere più costosi di altri tipi di biberon e ci sono meno opzioni tra cui scegliere poiché non sono onnipresenti come i biberon di plastica.

Biberon di plastica

Vantaggi: ci sono tantissime opzioni tra cui scegliere se opti per bottiglie di plastica e le bottiglie di plastica sono anche i tipi di biberon più convenienti sul mercato. Le bottiglie di plastica sono leggere, non si rompono quando cadono e sono facili da tenere in braccio per te e il tuo bambino.

Svantaggi: la preoccupazione iniziale per i biberon di plastica era a causa del bisfenolo A, comunemente chiamato BPA, una sostanza chimica industriale utilizzata per produrre alcune materie plastiche che potenzialmente causano effetti negativi sulla salute. Negli USA la FDA ha vietato il BPA da tutti i biberon nel 2012, ma secondo l’American Academy of Pediatrics (AAP), ci sono ancora problemi di salute e sicurezza relativi alla plastica, soprattutto nei bambini e in particolare quando viene riscaldata. Se decidi di utilizzare biberon di plastica, evita di metterli nel microonde e lava a mano i biberon sporchi invece di metterli in lavastoviglie.

Biberon in silicone

Vantaggi: le bottiglie di silicone sono morbide e morbide e assomigliano molto a un seno; questo li rende anche facili da tenere in braccio per te e per il tuo bambino. Sono infrangibili e privi di molte delle sostanze chimiche presenti nelle bottiglie di plastica. Le bottiglie di silicone sono lavabili in lavastoviglie e tendono a contenere meno parti rispetto alle bottiglie di plastica, quindi sono più facili da pulire.

Svantaggi: le bottiglie di silicone sono tra le più costose e non ci sono un sacco di opzioni (anche se questo sta iniziando a cambiare). E sebbene non contengano le stesse sostanze chimiche delle bottiglie di plastica, c’è ancora qualche preoccupazione per la lisciviazione a temperature molto elevate. Possono anche scolorire e assorbire gli odori nel tempo.

Alcune domande frequenti sull’argomento

Come faccio a scegliere il biberon?

Non saprai cosa piacerà a tuo figlio finché non lo proverà. Quindi interroga le tue amiche mamme per ottenere tre suggerimenti, compra uno di ciascuno e fai i tuoi test quando arriva il tuo bambino. I neonati prendono solo 60 g alla volta, ma i bambini aumentano rapidamente il loro consumo, quindi andare direttamente per i biberon più grandi potrebbe farti risparmiare denaro. È meglio acquistare bottiglie con caratteristiche che riducono al minimo le bolle d’aria, come inserti drop-in, prese d’aria o una parte superiore angolata, perché potresti doverle acquistare in seguito.

Quando introdurre l’uso del biberon?

È importante che il bambino impari ad allattarsi prima che tu gli offri un biberon, e questo processo richiede spesso dalle 4 alle 6 settimane. I neonati a cui vengono somministrati i biberon prima di questo a volte sviluppano una preferenza per il biberon, che richiede uno sforzo minore rispetto all’allattamento.

Una volta che un bambino impara la corretta tecnica di allattamento, è meno incline a favorire il biberon. Se il tuo bambino allatta come un campione a 2 o 3 settimane, va bene offrire un biberon. Ma procedi con cautela: se preferisce il biberon, offrilo meno spesso per una o due settimane.

Non vuoi nemmeno aspettare troppo a lungo. Se vai oltre le 6 settimane, il tuo bambino potrebbe rifiutare il biberon. Se lasci il bimbo con la nonna per un’ora, griderà e aspetterà il latte finché la mamma non torna a casa.Non è divertente per nessuno!

Devo riscaldare il biberon del mio bambino prima di dargli da mangiare?

Non è necessario, ma alcuni piccoli preferiscono i pasti caldi. Non è necessario acquistare uno scaldino: basta riempire un grande misurino di vetro o una piccola casseruola con acqua calda e immergere la bottiglia per un minuto o due. Non riscaldare mai una bottiglia in un forno a microonde: in questo modo si creano punti caldi che possono bruciare la bocca del bambino. Il riscaldamento del latte materno può anche distruggere le proteine ​​e le vitamine importanti per la salute della tua dolce metà.

A volte il mio bambino perde interesse per il biberon. Posso salvare il resto per dopo?

A: Non devi buttare immediatamente il latte materno o quello in polvere. Metti da parte il biberon a temperatura ambiente, tappalo e verifica se il bambino ha di nuovo fame tra un po’. Se dopo un’ora non è ancora interessato, svuotalo. I batteri possono essere trasferiti dalla bocca del bambino alla bottiglia. Se la bottiglia è rimasta fuori per più di un’ora, i batteri possono moltiplicarsi rapidamente e possono far ammalare tuo figlio. Lo stesso vale se metti la bottiglia in frigo. I batteri possono riprodursi anche lì, quindi è meglio andare sul sicuro e lavare la bottiglia dopo un’ora. Per evitare di sprecare latte artificiale o latte materno (oro liquido!), dividi una poppata in biberon più piccoli.